Antitrust: che cos’è?

Molto spesso sentiamo parlare di scelte dell’Antitrust in merito a questioni di mercato, in particLOGO AGCM_WEBolare rivolte a grandi industrie le quali cercano di controllare il mercato attraverso accordi economici  volti a limitare la libera competizione.

Ma come cos’è e come opera nel nostro paese l’Antitrust?

Anzitutto è bene sapere che con tale termine si individua un apposito organo che vigila sulle norme poste a difesa del diritto di concorrenza e che difende i diritti dei consumatori.

Con la l. n. 287 del 10 Ottobre 1990 il legislatore italiano ha predisposto un’autorità amministrativa indipendente diretta a presiedere questa nuova materia: l’ Autorità Garante della concorrenza e del mercato.

Tra i principali ambiti di intervento dell’Autorità troviamo:

  1. garantire la tutela della concorrenza e del mercato;
  2. contrastare le pratiche commerciali scorrette nei confronti dei consumatori e delle microimprese, tutelare le imprese dalla pubblicità ingannevole e comparativa, nonché vigilare affinché nei rapporti contrattuali tra aziende e consumatori non vi siano clausole vessatorie;
  3. vigilare sui conflitti di interesse in cui possono incorrere i titolari di cariche di Governo;
  4. attribuire alle imprese che ne facciano richiesta il rating di legalità.

Il consumatore in questo modo ottiene un mercato più equo in cui non solo potrà godere di una grande varietà di prodotti immessi sul mercato nel rispetto della necessità del consumatore stesso, ma godrà anche di un controllo dei prezzi diretto al ribasso degli stessi.

Per questo motivo è fondamentale che il consumatore sappia come rivolgersi all’Antitrust.

Proprio in questi giorni sul sito dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (www.agcm.it) è nato un nuovo canale per le segnalazioni: lo “Sportello Antitrust”.

Tramite questo strumento il consumatore
può far pervenire le sue segnalazioni in tre modi: il messaggio on line, attraverso il “form” che si apre automaticamente cliccando sulla prima icona a forma di busta; la chiamata telefonica gratuita al numero verde 800-166661; oppure un semplice Tweet nei consueti 140 caratteri previsti dal social network (@antitrust_it).

Le segnalazioni saranno prese in carico e valutate nella loro veridicità e fondatezza e sarà poi compito del Collegio dell’Autorità decidere se avviare o meno un’istruttoria in merito alla segnalazione.

In Italia le sanzioni da parte dell’Antitrust sono di natura amministrativa e non penale, come invece accade negli Stati Uniti. Infatti nel caso in cui si riscontra un comportamento anticoncorrenziale da parte dell’impresa, l’Autorità può infliggere una sanzione pecuniaria fino al 10% del fatturato dell’impresa coinvolta, in funzione della gravità e della durata della violazione.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...