Sky, come recedere dal contratto senza penali

Sky

Dal prossimo 1° ottobre 2017 cambia la fatturazione per gli abbonati Sky, che passa da 12 a 13 mensilità, con contestuale aumento del canone dell’8,6%.

L’Adoc valuta negativamente tale modifica, come espresso dal Presidente Tascini:

“Gli operatori di comunicazione elettronica continuano a nascondere aumenti del proprio canone, anche piuttosto consistenti e difficili da far digerire ai consumatori, dietro cambi della periodicità di fatturazione. È una prassi che penalizza gli utenti, ai limiti della pubblicità ingannevole – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – nel caso di Sky siamo di fronte ad un vero e proprio aumento: difatti, anche in caso di fatturazione bimestrale e annuale il costo complessivo del canone sarà maggiorato dell’8,6%. Al di là del cambio di calcolo della fatturazione.

Quest’ultimo, a nostro avviso, dovrebbe essere necessariamente basato su una riproporzione delle precedenti condizioni economiche. Ovvero, che anche con il passaggio a 13 mensilità il consumatore non deve subire variazioni dei costi sostenuti. Inoltre, il cambio di fatturazione pone due spinose questioni. La prima riguarda il pagamento con RID: i pagamenti con addebito bancario hanno cadenza mensile solare, per cui il cambio di calcolo della fatturazione a 28 giorni provocherà uno sfalsamento tra tempistiche del RID e della bolletta, con possibile insorgenza di uno scoperto bancario, con eventuale morosità o di errori di calcolo delle spese. La seconda concerne il diritto alla libera scelta e alla comparazione: la diversa cadenza di fatturazione tra operatori mina la tutela della trasparenza e della comparabilità delle condizioni economiche tra le offerte.”

Ad ogni modo la società informa che è possibile esercitare il diritto di recesso dal contratto di abbonamento entro il 30 settembre 2017 senza costi e senza penali, inviando una raccomandata A/R a SKY, Casella Postale 13057 20141 Milano e specificando come oggetto o causale del recesso «Modifica delle condizioni contrattuali».

L’Adoc ricorda che in caso di necessità, è possibile contattare le sedi territoriali dell’Associazione per ricevere assistenza e consulenza.

FONTE: ADOC NAZIONALE

Annunci

2 pensieri su “Sky, come recedere dal contratto senza penali

  1. Buongiorno mi chiamo Linda Zeppieri ed abito a Bologna in zona Barca. 4 anni fa ho deciso di installare l’impianto di Sky aderendo a una loro promozione in cui avendo sia Sky che Fastweb insieme avrei avuto diritto anche ad avere una mia linea dedicata SCN. È venuto un tecnico e ha montato l’impianto senza dirmi niente. Circa un anno fa dopo che erano due settimane che non riuscivo più a vedere SKY ho chiamato i tecnici è venuto un tecnico diverso rispetto a quello della prima volta che mi ha comunicato che il problema per cui io non potevo vedere SKY era che invece che avere un SCN mi era stato montato un impianto diverso. Invece che mettermi una linea dedicata ero stata agganciata alla una linea già esistente di un’altra persona tutto questo senza darmi comunicazione al momento. Io era 3 anni che pagavo per un servizio che non avevo. Ho chiamato Sky ho denunciato la cosa il tecnico che era venuto inizialmente quindi il primo è stato tra l’altro anche tolto da Sky perché considerato incompetente. Da maggio del 2017 mi trovo ad avere un servizio che in realtà non esiste ho già dato comunicazione più volte a Sky quali l’unica cosa che fanno è o ad evitarmi dei costi che io non ho richiesto tipo una cavo ethernet mai avuto mai arrivato oppure di mandarmi dei tecnici che le uniche cose che mi riescono a dire è che non possono fare nulla e che quindi io devo rimanere così come sono oppure fare a spese mie un adeguamento impianti. Io sono 4 anni che pago e non ho un servizio vorrei chiudere ma prima di chiudere tutto vorrei risolvere questa cosa e soprattutto vorrei avere indietro i soldi spesi per un servizio mai utilizzato io mi trovo a chiamare Sky ogni due o tre giorni è diventata una questione complicata. Ogni volta che viene un tecnico Sky io devo chiedere ore al permesso di lavoro se non giornata intera e perché dicono che vengono a un orario e poi a quell’orario non vengono. Lunedì sono stata costretta a chiudere il negozio per poter venire ad aprire al Tecnico dopo 10 minuti il tecnico è andato via facendomi perdere l’intera giornata lavorativa perché è arrivato in ritardo per comunicarmi che non poteva fare nulla. Vi prego di aiutarmi perché credo che queste cose non debbano rimanere impunite.

    Inviato dal mio dispositivo Huawei

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...