Animali da compagnia: vale il codice del consumo

image.jpg

La Corte di Cassazione nella sentenza n. 22728/2018 ha stabilito, per la prima volta, che l’animale da compagnia o d’affezione sia qualificabile come “bene di consumo”, con la conseguente applicazione del Codice del Consumo alla relativa compravendita.

Secondo i giudici la compravendita di animali da compagnia, non è, di per sé, esclusa dalla disciplina del codice del consumo e dunque non v’è ragione per negare all’acquirente di un animale da compagnia la maggior tutela riconosciuta da tale ultimo codice quando risultino sussistenti i presupposti per la sua applicabilità.

L’acquirente è qualificato come consumatore nel caso in cui l’acquisto sia avvenuto per la soddisfazione di esigenze della vita quotidiana estranee all’attività imprenditoriale o professionale eventualmente esercitata dal compratore.

Il consumatore ha due mesi di tempo per denunciare al venditore la patologia di cui risulta affetto l’animale da compagnia e ottenere così l’eventuale risarcimento. Il termine dei 60 giorni decorre da quando il compratore ha avuto conoscenza certa della patologia: non basta il semplice sospetto.

Come sempre l’Adoc è disponibile a fornire qualsiasi chiarimento e supporto.

 

fonte : laleggepertutti , studiocataldi

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...