Modem libero: cosa cambia per gli utenti

header_blog35-1.jpg

Con la delibera 348/18/CONS dell’Agcom l’Italia si è uniformata alla disciplina dettata dalla direttiva europea n. 2015/2120 recante misure riguardanti l’accesso a una rete aperta: dal 1° dicembre, per i nuovi contratti, l’utente avrà piena libertà nella scelta delle apparecchiature terminali mentre per i contratti in corso e quindi già stipulati bisognerà attendere il 1° gennaio 2019.

Nel caso in cui gli operatori forniscano servizi integrati di accesso a Internet e/o di connessione alla rete tramite offerte in abbinamento con l’apparecchiatura, essi sono tenuti a evidenziare separatamente modalità e condizioni di offerta. Gli operatori devono quindi separare – anche nei documenti di fatturazione – il costo dell’apparecchio da quello di installazione e manutenzione e assistenza. I fornitori di servizi di accesso a Internet devono inoltre mettere a disposizione un’offerta alternativa che non includa la fornitura dell’apparecchio.

Inoltre, i servizi di installazione, allacciamento, collaudo e manutenzione di apparecchiature terminali scelte autonomamente dall’utente saranno attività libere e potranno essere liberamente affidate dall’utente finale a soggetti terzi.

fonte: adnkronos, studiocataldi

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...